GLOSSARIO SIDERALE – Tra il semiserio e il serissimo.

Home Forum Movimento 5 Stelle GLOSSARIO SIDERALE – Tra il semiserio e il serissimo.

Questo argomento contiene 0 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  Anonimo 3 anni, 5 mesi fa.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #7906

    Anonimo

    GLOSSARIO SIDERALE – Tra il semiserio e il serissimo.

    A come Antifascismo, corrente culturale da cui il grillino prende le distanze con sdegno. Non gli compete.
    A come Animal Farm, testo orwelliano la cui scarsa diffusione ci ha portato al dilagare del grillismo. Da introdurre in tutte le scuole di ogni ordine e grado come lettura obbligatoria e profilassi filodemocratica. Così magari il prossimo carrozzone cazzaro ce lo sfanghiamo.
    A come Amici. Condizione temporanea di favore grillino, durante il quale il Giuse ti spaccia su ogni palco come Amico della Nazione, Ministro in pectore, Presidente dell’Universo ideale e i grillidi ti portano in palmo di mano. Posizione instabile da cui si può decadere da un momento all’altro per i motivi più disparati, a mezzo di poche righe sul Blog Illuminato, verso una voragine senza paracadute. Citofonare Rodotà, Gabanelli, Di Pietro, Ingroia, per citarne alcuni.
    B come Blog, per il grillino sinonimo di Fonte della Verità, e tanto vi deve bastare. Ite missa est.
    C come Casaleggio. Quello che ancora non s’è capito che ci sta a fare, e perchè. O forse si è capito benissimo.
    C come Casta, inteso come tutto ciò che non è grillide, contro cui egli si contrappone a petto in fuori preso dal sacro fuoco del rinnovamento. Serra e Rizzo hanno perso l’occasione della vita, se depositavano il termine scritto con la K potevano ritirarsi ai tropici a campare di rendita, loro e tre generazioni a seguire.
    C come Costituzione. Un pezzo di carta, sacro e da difendere se vogliono toccarla gli altri, una coperta patchwork demodè da tagliuzzare e svecchiare se vuole toccarla il Grillo.
    D come Diretta, riferito a Democrazia. I grillini sono stati portati a pensare diretta nel senso di senza intermediari, mentre il capo intende diretta solo da lui. Il giorno che dovessero tentare di chiarirsi su questo punto sarà l’incontro della materia e dell’antimateria grillide. Sarà boom?
    E come Epurati. Citofonare Tavolazzi, Favia, Salsi, Gambaro.. sono titolati a tenere corsi sul tema.
    E come Esterofilia. Il Giuse e il grillino hanno sempre un esempio estero incredibilmente efficiente delle loro idee da buttare sul piatto al momento giusto. Estero è moderno, estero è avanti.. purchè sia a latitudine sopra quota Lampedusa obviously.
    F come Fuori dalle Palle. E’ il motto della democrazia liquidata più che liquida. “Chi pensa che io non sono democratico vada fuori dalle palle” è comicamente la battuta del secolo, che da sola vale una carriera a mio avviso complessivamente non irresistibile. Invece l’occasione è clamorosamente persa, perchè la frase è pronunciata in un discorso drammaticamente serio. Avere un colpo di genio nella vita e sprecarlo così.
    F come Fascismo, ma da scegliere con cura, come i tagli dal macellaio. Solo filetto buono, il resto è folclore (e una pagina feroce e triste della nostra storia ma state a guardà il capello, malfidati).
    G come Garante, il ruolo apparente con cui il Giuse ha fatto digerire/prevalere la propria struttura-franchising, e che ovviamente non garantisce niente e non risponde mai dei propri errori di valutazione. Quindi che garanzia è. Boh!
    G come grillino, ovvero adepto della fede grillica. Genuflesso sulla linea del capo, accetta applaudendo entusiasta dal Giuse quello che mai avrebbe ancora sopportato da Berlusconi su cui mediamente è correttamente informato. Inspiegabile. Misteri della fede.
    H come Hackeraggio. E’ la spiegazione attribuita a qualsiasi malfunzionamento vero e/o provvidenziale della macchina internettiana grillina. Mi crasha tutto perchè ho programmato con i piedi? No, sono gli hacker della kasta che mi boicottano. Il risultato delle parlamentarie non mi aggrada? Toh, si inchioda tutto e si deve rifare da zero. Anvedi che dispiacere.
    I come Ignoranza. Ignoranza elevata a valore: se non conosco è perchè sono una persona semplice e diretta, quindi onesta. La complessità e la competenza rifiutate come pregiudizialmete truffaldine, e anticamera del complotto. Ciò che non conosco e non capisco è aprioristicamente dannoso.
    I come Ius Soli. Male assoluto. Da non confondere con Ius Primae Noctis, su cui il Giuse potrebbe essere possibilista.. :)..
    L come Liquida. Aggettivo attribuito alla democrazia grillica che non si capisce bene cosa significhi. O meglio, significa “che non ha una forma precisa” inteso come estremamente flessibile e adattabile, al punto però di non sembrarlo proprio, una democrazia. Come l’acqua, è una democrazia che prende la forma di dove la contieni. E se il contenitore è fascista.. fate vobis.
    L come Lingua. Maltrattata, ultrasemplificata modello sms o twitter. Come se la forma ultrasintetica fosse di per sé un valore positivo al di là del contenuto (ammesso che ci sia un contenuto apprezzabile).
    M come Marchio. E’ scorretto chiamare il logo Mov un simbolo, è più da intendersi come un marchio commerciale, essendo detenuto come tale e gestito con gli stessi strumenti, soprattutto legali. Non è un patrimonio comune, è un oggetto grafico proprietà privata di un unico soggetto rilasciato in franchising. Equivalente quindi a un bollino Ciquita o Melinda, più che a un icona di un movimento intellettuale.
    N come NON. Il non partito con il non statuto e un non leader. Si rimanda all’Odissea, episodio di Nessuno e Polifemo. Tanto gli italiani sono ignoranti o hanno una pessima memoria e la prenderanno per una trovata originale, e Omero è morto e non chiederà il copyright.
    N come Nessuno resti indietro (prima delle elezioni), Parecchi restino in mare (dopo le elezioni), o si suicidi pure per aver creduto alla promessa dei 1000 euro al mese per tre anni promessi a favor di telecamera. Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato.
    O come Ossessione. La sindrome dell’infiltrato, la sindrome dell’accerchiamento, la caccia spasmodica all’influencer piddino, il repertorio psicopatologico è ampio e passa anche per la sindrome di Stoccolma a quella di Stendhal.
    P come Piddì. Quello che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Per il grillino è la piscina in cui tuffarsi quando esaurisce gli argomenti opponibili a un ragionamento seriamente critico. Per Grillo è il vero nemico da distruggere, reo di averlo respinto quando ne era innamorato, e di contrapporsi al suo autentico sistema di valori (e di amici). E la volpe di pezza da tirare in pasto alla sua muta di cani affamati quando sembrano avere un dubbio di troppo. Funziona sempre.
    P come Piddìmenoelle. Quello che purtroppo qualcuno se l’è inventato e se non c’era era meglio, ma che è ritenuto molto meno fastidioso del Piddì dal Giuse e dal Grillino medio, mentre per il cittadino italiano medio è stranamente il contrario. In fondo è ciò che giustifica l’esistenza di tutto il resto del teatrino. Appunto.
    P come Piattaforma, ovvero l’Unicorno, il Big Foot, la magica base di discussione e voto sicurissima ed efficientissima che tutti dicono di aver visto girare almeno una volta in versione beta ma nessuno è mai riuscita a dimostrarlo. Non quella ciofeca di “sistema operativo” buttato lì per spianare le polemiche, ovviamente.
    Q come Qualunquismo. La corrente di non pensiero neanche originale sui cui si è impostato l’intero carrozzone. Ma tanto anche Guglielmo Giannini è morto e non chiederà il copyright e il 99% degli italiani neanche sa chi è.
    R come Rete, il media dove un comico ai margini si è rimesso al centro con un’operazione Mediaset 2.0 esplorando nuove frontiere del conflitto di interesse, inventandosele quando non le ha trovate.
    S come Selezione. Non selezione delle competenze, ma selezione della specie “servo-candidato” sulla base di criteri di lealtà personale al capo. Intercambiabile quindi con S di Servilismo.
    S come Scontrino. E’ il simbolo involontario del vero motore del movimento: la diffidenza reciproca. Il primo a non fidarsi dei suoi è il Giuse, che ha fatto firmare loro condizioni capestro sancenti la lunghezza del guinzaglio e la larghezza della propria museruola. Sfiducia trasmessa alla base che si fida ormai solo della carta che canta, degli scontrini esibiti. Perdere gli scontrini è quindi summa tragedia che può comportare processi sommari. Solo uno non ne presenta mai, uno a caso.
    S come Streaming. Ovvero la grande illusione truffaldina, che una perpetua diretta sia il giusto strumento per costruire un rapporto fiduciario tra eletti ed l’elettorato. O almeno così si dà da credere. Utilizzato poi in realtà a corrente alternata e principalmente per preservare il rapporto fiduciario tra eletti e chi li ha messi in lista prima ed eletti dopo. Vedi anche la voce S come Scontrino, è solo un’altra forma di espressione della diffidenza di fondo del sistema.
    T come TV. Nemica da denigrare, ma da occupare indirettamente strappando titoli e spezzoni e commenti sparando una cazzata al giorno, al motto “USALA senza andarci”. E’ il media competitor della rete, checchè se ne dica, e il palco ancora rimpianto e desiderato. Croce e delizia.
    T come Tzunami tour: ovvero come ti giro l’italia con un camper alimentato a caciotte e baratti. Da notare la delicatezza di chiamare un tour autopromozionale come una sciagura che ha annientato migliaia di persone, cambiando la faccia di un paese intero. O forse era intenzionale, il buon gusto uno non può darselo se non ce l’ha.
    U come Uno vale Uno: E’ lo slogan principe. Da intendere come uno vale l’altro, fuori uno dentro il prossimo, sotto a chi tocca, o per le capre romane “’ndo cojo cojo”. Sottotitolo occulto: ma tanto io so’ io e voi ‘nsiete un cazzo. Copyright dell’altro Grillo, quello marchese.
    V come Vaffanculo: Per il grillino è come dire ciao, buongiorno, buonasera. Il saluto per antonomasia al resto del genere umano.
    Z come Zerbino. Sinonimo di elettore. Ben steso a terra e pronto ad accogliere sulla schiena le suole del capo.

    In progress.

Stai vedendo 1 articolo (di 1 totali)

Devi aver eseguito l’accesso per poter rispondere a questa discussione.

I commenti sono chiusi.